Marij Pregelj, il portretto di Ivan Pregelj
Casa del scrittore Ivan Pregelj

"Si trovava in un luogo inusuale, su una collina sottostante al Kuk, con la facciata verso lo strapiombo, supportata da un muretto. Antica, povera da far pena al Signore, con qualche resto evidente dell’antica nobiltà. È stata costruita da un signore spiritualmente elevato nel periodo della sua vecchiaia. Il tetto era dapprima ricoperto da ardesia, per essere poi innalzato e ricoperto da paglia. A picco sul monticello sovvrastante al paese, sottoposta a dure prove da tutte le direzioni, da venti che scoperchiavano il tetto

facendo tremare di paura noi bambini, nelle notti di temporali estivi, quando la vallata non trova pace dalla sera al sorgere del sole - testimone di tutto ciò è stato pure il rinomato scienziato e antiquario Vyrchow. Priva di fondamenta solide, situata sulla collina in modo innaturalmente diagonale, era abitata da una modesta famiglia. La casetta comprendevao un cucinino nero di fuliggine in pianoterra, l’atrio e una stanza sovvrastanti alla stalla, dalla quale il salnitro si allargava inesorabilmente sulle pareti."
(Ivan Pregelj, Lovričeva hiša na Mostu)